Costa Brava: selvaggia ma anche modaiola

La Costa Brava si snoda da Blanes, vicino a Barcellona, a Portbou, al confine con la Francia.

La Costa Brava si snoda da Blanes, vicino a Barcellona, a Portbou, al confine con la Francia

La Costa Brava si snoda da Blanes, vicino a Barcellona, a Portbou, al confine con la Francia

Ad un’ora circa da Barcellona c’è la Costa Brava, regione litoranea della Catalogna che si affaccia sul Mar Mediterraneo. Un paesaggio vario, in grado di soddisfare le esigenze di tutti. Dai ragazzi in cerca di movida a chi desidera il relax, perché è tutto un susseguirsi di  rocce a picco sul mare, calette impervie e spiagge ampie ed accessibili.

Partendo da Sud, la Costa Brava si snoda da Blanes a Portbou, quasi al confine con la Francia. Raggiungibile dall’Italia con voli low cost che atterrano a Girona o a Barcellona. Questo tratto di mare spagnolo è associato alla figura del pittore surrealista Salvador Dalì che qui è nato ed ha vissuto gli anni della maturità.

Nei luoghi di Salvador Dalì

Nei luoghi di Salvador Dalì

Non si può dire di aver conosciuto a fondo la vita e l’opera del grande pittore Salvador Dalì senza aver prima visitato, in Costa Brava, il cosiddetto triangolo che ricorda il pittore surrealista originario dell’Empordà.

Date il via all’itinerario facendo tappa al Teatro-Museo Dalì di Figueres, dove l’artista è deceduto. Ospita una ricca collezione sia di dipinti sia di gioielli. Visitate poi la Casa- Museo Salvador Dalì di Port Lligat, a Cadaquès, con la residenza laboratorio del pittore contenente mobili ed oggetti personali. Chiudete con la Casa-Museo Castello Gala Dalì di Pùbol che Dalì donò alla moglie Gala.

Il Ghetto ebraico di Girona

Le tappe più gettonate della Costa Brava si trovano nella provincia di Girona, città il cui caratteristico quartiere medievale ebraico, El Call, già di per sé meriterebbe una visita.

Blanes è meta di un turismo familiare. Tossa de Mar, borgo medievale con un imponente castello. Considerata la perla di tutta la Costa Brava ha spiaggette paradisiache ma anche poche estese.

Da visitare è anche Cadaquès, incantevole agglomerato di case bianche dove soggiornarono spesso il pittore e scultore Pablo Picasso ed il regista Luis Bunuel, oltre che allo stesso Dalì.

Infine a 5 km da Cadaquès, per gli amanti della natura, c’è il Parco Naturale di Cap de Creus, area protetta da esplorare a piedi, in bicicletta o a cavallo.

In cucina mari e monti

sarsuela, condita con una salsa piccante.

La Costa Brava unisce mare e monti nel paesaggio ma anche nella gastronomia.

L’offerta è molto varia perché ha subito le influenze dei vicini Pirenei e della confinante Comunità Valenciana. Spicca il pesce, ingrediente base di gustose zuppe come la sarsuela, condita con una salsa piccante. Nei menù troverete anche le espardenyes de mar, tipici frutti di mare della zona.

Nelle pietanze di mare primeggiano maiale e selvaggina. E per dessert? Imperdibile la crema catalana.

Riassunto
Costa Brava: selvaggia ma anche modaiola
Titolo
Costa Brava: selvaggia ma anche modaiola
Descrizione
La Costa Brava si snoda da Blanes, vicino a Barcellona, a Portbou, al confine con la Francia
Autore
Azienda
Club4business
Logo

Rossana Nardacci

Laurea Magistrale in Informazione, Editoria e Giornalismo presso L’Università Roma Tre. Mi occupo principalmente di Content Marketing e Social Media Marketing per aziende e liberi professionisti, redigo testi Seo Oriented e curo le strategie per blog aziendali.

Ultimi articoli da Rossana Nardacci (vedi tutto)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *