Commercio online: la fine del commercio tradizionale segna la sua ascesa

Commercio online vs commercio tradizionale Certamente uno degli argomenti più discussi negli ultimi anni è la crisi del commercio e l’avanzata di nuovi modelli di business. Troppo spesso sentiamo parlare della fine del commercio tradizionale. Centinaia di attività chiudono ogni mese e il commercio online sta letteralmente uccidendo il commercio al dettaglio. Siamo alla fine […]

Commercio online vs commercio tradizionale

Certamente uno degli argomenti più discussi negli ultimi anni è la crisi del commercio e l’avanzata di nuovi modelli di business. Troppo spesso sentiamo parlare della fine del commercio tradizionale. Centinaia di attività chiudono ogni mese e il commercio online sta letteralmente uccidendo il commercio al dettaglio.

commercio online

Siamo alla fine del commercio tradizionale?

Ho sentito dire addirittura che ogni volta che si effettua un acquisto su Amazon si “uccide” una commessa! Molti chiamano questa situazione “retail apocalypse” perché la contrazione delle vendite del commercio al dettaglio tradizionale porta con sé anche una contrazione dei servizi dell’indotto.

Un esempio: se diminuiscono i negozi, anche le attività che forniscono servizi a quei negozi subiranno una flessione. Le aziende che producono lampade oppure quelle che forniscono arredi per negozi, come anche quelle che forniscono luce e gas e così via.  Tutto vero e meritevole di considerazione. Ma perché far finta di non vedere che il problema effettivo è che manca la capacità di adeguarsi ai tempi? Manca la capacità di vedere che ormai i modelli di business sono cambiati. Se si vuole andare avanti ci si deve adeguare, e in fretta, alla digitalizzazione, all’utilizzo dei nuovi canali di commercio online, al multichannel.

Blockbuster e Standa incapaci di adattarsi…

Blockbuster l’ha ucciso non la concorrenza, ma il suo management troppo legato al modello classico di noleggio e incapace di adeguarsi al nuovo modello digitale di visione dei film. Standa si è estinta non perché all’improvviso non piaceva più, ma perché non ha saputo adeguarsi ai nuovi e vincenti modelli di servizio al cliente che spopolano in H&M e Zara, tanto per fare due esempi.

La globalizzazione imporrà sempre di più a tutti gli attori del commercio mondiale, di stare al passo coi tempi, di aggiornarsi, di informarsi e di innovare continuamente le proprie strategie commerciali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *