Il Lago di Costanza: meta ideale per un tour senza confini

Il Lago di Costanza è incastonato tra Germania, Austria e Svizzera. E' un luogo da visitare per le sue architetture medievali e barocche.

Il Lago di Costanza è incastonato tra Germania, Austria e Svizzera

Passerete da un Paese ad un altro quasi senza accorgervene. E non è la sola sorpresa che avrete scegliendo come meta il Lago di Costanza.

Il Lago di Costanza conosciuto anche con il nome di Bodensee

Le località grandi e piccole che punteggiano le rive del Lago di Costanza testimoniano con le loro architetture medievali e barocche continuità di storia e cultura. La natura che circonda il Lago, rigogliosissima, crea un paesaggio armonioso. Se a questo aggiungete traghetti che collegano le sponde in maniera capillare e, non ultimo, una buona cucina, ecco che ci sono tutti gli elementi per una vacanza piacevole e per tutti i gusti.

Quali sono le città da non perdere?

Costanza è la città tedesca che dà nome al Lago. Bagnata anche dal fiume Reno che la divide in due. Salvata dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale per la vicinanza con la Svizzera, ha mantenuto tanti edifici medievali. Le case con le facciate affrescate ed a graticcio, le porte-torri, la cattedrale. Il consiglio è di lasciarsi conquistare dalla scenografia della Altstadt, la città vecchia e della sua parte più romantica, il Niederburg (castello basso), con stradine silenziose e locali caratteristici come Franz Fritz in Nieerburggasse 7. Luogo in cui fermarsi per uno spuntino ed un buon bicchiere di vino. Sempre in zona, “d’obbligo”, una visita al Museo Rosgarten, in Rosgartenstrasse 3, per conoscere la storia, l’arte e la cultura di Costanza e della sua Regione.

Se cercate una buona tavola l’indirizzo giusto è Zum guten Hirten, in Zollernstrasse, 8. Prosciutto della Foresta Nera, stinco, trota di lago e molto altro a prezzi più che abbordabili.

Mainau è l’isola dei fiori

Non lontana dal Lago di Costanza, è collegata alla terraferma da un ponte

Non lontana dal Lago di Costanza, è collegata alla terraferma da un ponte. Ma più suggestivo è arrivarci con il battello dalla sponda opposta del lago. Di proprietà della famiglia reale di Svezia, con un castello in parte visitabile, è un tripudio di verde e colori. Ed è famosa per le fioriture di tulipani, orchidee, dalie.

Fino a settembre è il tempo delle rose. Diecimila piante di mille varietà. Ma ci sono un’infinità di altri fiori, piante esotiche ed agrumi, un viale di sequoie, una serra di palme. Vi è persino una casa delle farfalle.

Unteruhldingen è la frazione balneare di Uhldingen

 Ha un’attrazione speciale: un Museo Archeologico a cielo aperto, il Museo delle Palafitte. Proprio nel lago sono stati ritrovati insediamenti dell’età della pietra e del bronzo, Patrimonio Unesco. Il museo si apre, alla lettera, su un villaggio sull’acqua perfettamente ricostruito, con ambientazioni suggestive che narrano la vita dei nostri progenitori.

Salem  vi farà scoprire un gioiello barocco

Il suo castello, in origine il più ricco monastero cistercense della Germania meridionale.

L’insieme è scenografico, a cominciare dal giardino con siepi sagomate e labirinti. Una rarità è la scuderia settecentesca tutta legno e stucchi. Troverete anche botteghe artigiane ed una taverna. Mentre le cantine, con annessa enoteca, sono ancora oggi usate dalla casa vinicola Weingut Markgrafen von Baden, di proprietà tuttora residenti in un’ala del castello.

Friedrichshafen, verso il confine con l’Austria

La città deve la sua fama ai dirigibili, i famosi Zeppelin, inventati proprio qui dal conte Ferdinand von Zeppelin a partire dal 1900. Da visitare il Museo Zeppelin ma anche l’hangar dove ancora vengono costruiti.

Bregenz, all’estremità orientale del Bodensee, è ormai Austria

La città ha un’atmosfera vivace. Belle architetture dal barocco al contemporaneo ed un lungolago romantico che porta fino a quell’ingegnosa costruzione che è il palcoscenico sull’acqua.

Luogo in cui ogni estate, con scenografie spettacolari, si rappresenta un’opera del Bregenzer Festspiele. La città alta è dominata dalla seicentesca Torre San Martino.

Per un buon pranzo, tornate in Kornmarktstrasse. Accanto alla cappella di San Nepomuceno, c’è la Gasthaus Kornmesser. In menù kasspatzle, gnocchetti con formaggio e cipolla rosolata e kaiserschmarrn, golose frittatine con marmellata.

San Gallo è un territorio svizzero, a 10 km dal Lago di Costanza

San Gallo è un territorio svizzero, a 10 km dal Lago di Costanza.

Bellissima città posta tra due colline. Famosa per i pizzi e i tessuti fin dal Medioevo, lega il suo nome ad un gioiello Patrimonio Unesco. Il complesso  dell’abbazia benedettina con la Cattedrale barocca e la Biblioteca rococò. Quest’ultima, tutta in legno intarsiato, stucchi ed affreschi, con 170mila volumi e documenti lascia a bocca aperta.

Molto piacevole è passeggiare sempre in centro storico alla scoperta dei bovindo, le finestre sporgenti e riccamente decorate. Ce ne sono 111 ed hanno tutte un nome: del cammello, dei cigni, del pellicano.

Di tutt’altro genere, un’altra tipicità di San Gallo: gli Olma Bratwurst, succulenti salsicce servite con vari contorni. Potete assaggiarli in Neugasse 2, al ristorante Markplatz.

Dove dormire nei pressi del Lago di Costanza?

Nel centro storico di Costanza, all’Hotel Barbarossa.

Fuori città, a Radolfzell am Bodensee, all’Hotel K99 con ottima colazione.

A Friedrichafen, al Buchhorner Hof

A Dornbirn, al Vienna House Martinspark, a due passi dalla Marktplatz



Booking.com

Riassunto
Il Lago di Costanza: meta ideale per un tour senza confini
Titolo
Il Lago di Costanza: meta ideale per un tour senza confini
Descrizione
Il Lago di Costanza è incastonato tra Germania, Austria e Svizzera. E' un luogo da visitare per le sue architetture medievali e barocche.
Autore
Azienda
Club4business
Logo

Rossana Nardacci

Laurea Magistrale in Informazione, Editoria e Giornalismo presso L’Università Roma Tre. Mi occupo principalmente di Content Marketing e Social Media Marketing per aziende e liberi professionisti, redigo testi Seo Oriented e curo le strategie per blog aziendali.

Ultimi articoli da Rossana Nardacci (vedi tutto)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *