Norvegia: una nazione magica da visitare in treno, battello e bus

Sette ore di comodo viaggio lungo i fiordi, i laghi, le cascate e le strade panoramiche

Sette ore di comodo viaggio lungo i fiordi, i laghi, le cascate e le strade panoramiche

Un paesaggio mutevole, da apprezzare prima sulla ferrovia che collega Oslo a Bergen, poi in autobus lungo una ripida salita con 13 tornanti ed in nave con una minicrociera nel fiordo più stretto d’Europa

Norvegia in un guscio di Noce”, Norvay in a Nutshell

Si tratta di un itinerario in treno, battello e bus, nella zona dei fiordi. Il viaggio inizia ad Oslo col treno per Bergen su una delle linee ferroviarie più belle del mondo.

Sono circa sette ore di comodo viaggio in un paesaggio continuamente mutevole tra boschi e laghi fino ad attraversare l’Hardangervidda, il grande altopiano con una vista spettacolare sul ghiacciaio.

Da Bergen si prosegue con il bus verso la Stalheinmskleiva, strada breve ma ripidissima con vista sulle cascate. Giunti sulle sponde del Sognefjord, una minicrociera sul Naeroyfjord, uno dei fiordi più stretti d’Europa e patrimonio Unesco. E sull’Aurlandsfjord conduce a Flam, da dove si riprende il treno per Myrdal che, in soli 20 km di percorso, offre alcuni dei paesaggi più spettacolari della Norvegia, con scorci meravigliosi.

A Myrdal si è tornati sulla linea principale e si può decidere se tornare verso Oslo o verso Bergen.

Musei e concerti nella Capitale

Musei e concerti nella Capitale

Vista dall’aereo, Oslo sembra una città con quattro tetti rossi immersi nel verde dei parchi e nel blu del fiordo. Da vedere assolutamente sono il municipio sul porto e la vicina zona di Aker Brygge con ristoranti, locali e negozi. Il museo dedicato al pittore Edvard Munch.

La nuova zona vicino al Teatro dell’Opera e lo splendido Parco di Vigeland, un po’ in periferia, ornato dalle statue dello scultore che ha eseguito il ciclo della vita umana. In pochi minuti si esce dalla città.

Con la metro si sale a Holmenkollen, in mezzo ai boschi, dove c’è il famoso trampolino per il salto con gli scii. Con il battello si arriva sull’isola di Bygdey, dove ci sono quattro importantissimi musei. Quello delle spedizioni polari della nave Fram. Quello del Kon-Tikì, la zattera con la quale Thor Heyrdahl attraversò il Pacifico. Quello delle navi vichinghe e quello etnografico, Norsk Folkemuseum.

Fra le casette di legno ed i caffè

Fra le casette di legno ed i caffè

Una delle icone norvegesi è il Bryggen, l’antico porto con la sfilata di casette di legno colorate col tetto spiovente, già sede dei commercianti tedeschi della Lega Anseatica nel Medioevo e patrimonio Unesco.

Bergen è una città elegante e vivace sede universitaria, con una popolazione giovane e, di conseguenza, non mancano luoghi di ritrovo, caffè, ristoranti, locali. Si estende in un contesto naturale incantevole tra mare e monti. Salendo con la funicolare sul Floyen si vede la collana di isole che la protegge dal mare aperto.  Poi si può scendere a piedi attraverso il bosco, passando per una zona di casette di legno.

Immancabile un salto al mercato del pesce.

 

Riassunto
Norvegia: una nazione magica da visitare in treno, battello e bus
Titolo
Norvegia: una nazione magica da visitare in treno, battello e bus
Descrizione
Sette ore di comodo viaggio lungo i fiordi, i laghi, le cascate e le strade panoramiche
Autore
Azienda
Club4business
Logo

Rossana Nardacci

Laurea Magistrale in Informazione, Editoria e Giornalismo presso L’Università Roma Tre. Mi occupo principalmente di Content Marketing e Social Media Marketing per aziende e liberi professionisti, redigo testi Seo Oriented e curo le strategie per blog aziendali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *