Pavia: una delle mete più interessanti della Pianura Padana

La città di Pavia fu capitale del regno longobardo Pavia posta sul fiume Ticino, affonda le sue origini all’epoca delle tribù preromane, dalle quali fu fondata. Successivamente divenne città romana con il nome di Ticinum. Pavia è la città più popolosa della Bassa Lombarda La città di Pavia è al centro di un fertile territorio […]

La città di Pavia fu capitale del regno longobardo

Pavia posta sul fiume Ticino, affonda le sue origini all’epoca delle tribù preromane, dalle quali fu fondata. Successivamente divenne città romana con il nome di Ticinum.

Pavia è la città più popolosa della Bassa Lombarda

La città di Pavia è al centro di un fertile territorio puntellato da estere risaie e da coltivazioni di viti eccellenti. La città lombarda è anche una delle tappe lungo la Via Francigena, via che i pellegrini di un tempo percorrevano verso Roma.

Il simbolo locale è il Ponte Coperto sul Ticino. Sorretto da cinque arcate, unisce il centro storico, che si trova sulla riva sinistra del fiume, con il Borgo Ticino, su quella destra. Non tutti sanno, però, che questa città piaceva molto allo scienziato di origine tedesca Albert Einstein.

Sul cavalcavia c’è una targa con la seguente frase: “Ho spesso pensato a quel bel ponte di Pavia”, scritta proprio da lui in una lettera indirizzata ad un’amica italiana e riferita all’estate che trascorse a Pavia con i suoi, a quindici anni.

A poca distanza c’è la celebre Certosa di Pavia

Certosa di Pavia, magnifico complesso monumentale del quattordicesimo secolo

Non potete non fare un giro tra le casa colorate di Borgo Ticino. Subito dopo il Ponte, vi imbatterete nella Lavandaia, curioso monumento in bronzo che ricorda una delle donne che in passato lavavano i panni nei fiume.

Da lì si può ammirare il Duomo di Santo Stefano Martire e Santa Maria Assunta, una costruzione rinascimentale che colpisce per l’enorme cupola ottagonale.

Nel centro storico di Pavia sono da non perdere le torri medievali e Piazza della Vittoria, fulcro della vita cittadina, con porticati, negozi e ristoranti. Da visitare anche i Musei Civici del Castello Visconteo e la splendida chiesa gotico-lombarda di Santa Maria del Carmine.

Da non perdere infine la famosa Certosa di Pavia, magnifico complesso monumentale del quattordicesimo secolo, a circa 8 km dal capoluogo.

I vini dell’Oltrepò Pavese

I vini dell’Oltrepò Pavese

Nella provincia di Pavia si estende l’Oltrepò Pavese, territorio di circa 1.100 km quadrati sulla sponda destra del Po. Tra pianure e colline è terra di vigneti, qua e là interrotta da boschi di acacie e querce. Produce migliaia di ettolitri di vini Doc ogni anno. Tra cui Bonarda, Buttafuoco, Pinot Nero e Sangue di Giuda. Da associare alle prelibatezze di una grande tradizione gastronomica. Agnolotti gobbi, agnolotti d’Oltrepò e polenta con il mosto sono alcuni di quelli da provare.

Vigevano e le scarpe d’epoca

A circa 40 chilometri da Pavia, nella Lomellina nord-orientale sorge Vigevano. Una città che vi stupirà a cominciare dalla meravigliosa Piazza Ducale con annesso castello e Cattedrale di Sant’Ambrogio.

Famosa nel mondo per la produzione di scarpe ha anche una struttura a tema. Il Museo Internazionale della Calzatura, al primo piano del Castello Sforzesco. Ad ingresso gratuito, l’edificio conserva scarpe di tutte le fogge e di tutte le epoche.

http://visitapavia.it

Offerte Hotel, B&B e Agriturismi a Pavia



Booking.com

Riassunto
Pavia: una delle mete più interessanti della Pianura Padana
Titolo
Pavia: una delle mete più interessanti della Pianura Padana
Descrizione
La città di Pavia si trova al centro di un fertile territorio puntellato da estere risaie e da coltivazioni di viti eccellenti.
Autore
Azienda
Club4business
Logo

Rossana Nardacci

Laurea Magistrale in Informazione, Editoria e Giornalismo presso L’Università Roma Tre. Mi occupo principalmente di Content Marketing e Social Media Marketing per aziende e liberi professionisti, redigo testi Seo Oriented e curo le strategie per blog aziendali.

Ultimi articoli da Rossana Nardacci (vedi tutto)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *