Alla scoperta della Calcidica. Da Stagira, patria di Aristotele al monte Athos

La Calcidica si trova nel sud-est della regione balcanica.Il nome deriva dalla città di Calcide che vi fondò diverse colonie.

Un viaggio nella Calcidica, suggestiva penisola greca

Paesaggi straordinari, acque cristalline, imponenti monasteri e prelibatezze locali. Questa è la Penisola Calcidica.

Nel lembo più orientale della Penisola Calcidica

E’ il 342 a.C Filippo di Macedonia invita il filosofo greco Aristotele alla corte di Pella perché diventi precettore del figlio. Il giovane erede al trono Alessandro, colui che passerà alla storia come Alessandro Il Grande. E pare quasi di vederli, con un po’ di immaginazione, il sommo pensatore dell’antichità ed il ragazzo che diventerà il celebre conquistatore, tutti intenti a disquisire di filosofia, scienza e politica. Passeggiano per questi luoghi, ancor oggi così intatti nella loro bellezza, esaltati dalla luce e dai colori di una natura che colpisce e cattura. Adesso, come allora.

Da Stagira, il luogo in cui nacque il pensatore

Una zona immersa in natura a tratti selvaggia, nel lembo più orientale della Penisola Calcidica.

Una zona che riserva piacevolissime sorprese, dal punto di vista paesaggistico, culturale, gastronomico. Ed offre spunti per una vacanza varia, adatta sia a chi desideri rilassarsi in una delle candide spiaggette dell’area sia a chi voglia aggiungere attività sportive ed escursioni.

Attraverso le zone collinari che da Salonicco conducono ad est, si raggiunge Olympiada. Ideale per andare ad esplorare l’area circostante e per camminare sui passi di Aristotele. Qui ci sono parecchi sentieri, per un totale di oltre 30 km, perfetti per godersi il paesaggio e fare un tuffo nella storia.

Al Monte Athos, il Monte Sacro

Nel lembo più orientale della Penisola Calcidica

Luogo ricco di storia, spiritualità e fascino. Stando alla tradizione, nel 962 Sant’Anastasio l’Athonita vi fonda un convento, attorno al quale, nel secolo XI-XII, si costituisce il più importante complesso monastico del mondo ortodosso, popolato da monaci greci, serbi, russi e bulgari. Essi, sotto la protezione di Bisanzio, possono coltivare sia le pratiche ascetiche più rigorose, sia gli studi teologici e storici. Si mantiene così una posizione di centro religioso e culturale di prestigio, con tesori bibliografici ed artistici.

Nel 1912, sottratto al dominio turco, passa alla Grecia. E viene riconosciuto dalla costituzione del 1927 come unità amministrativa autonoma. Status che sussiste tuttora.

Il complesso è patrimonio dell’Unesco. La particolarità è che le donne sono escluse da tutto il territorio. Quindi per loro è purtroppo impossibile visitare i 20 monasteri più belli ed inaccessibili del paese. Gli uomini invece possono farlo, rivolgendosi all’Ufficio pellegrini di Ouranoupoli ed imbarcandosi sui ferry giornalieri.

Non fermatevi però di fronte a questo antico divieto. Si può aggirare l’ostacolo e godersi comunque una parte dello spettacolo, optando per una gita in barca o in catamarano, grazie alla quale ammirare la costa ed i monasteri a picco sul mare.

La cittadina di Ouranopoli conserva una torre bizantina del XIV secolo, la meglio conservata della Calcidica. E’ strategica a questo scopo: si prenotano le escursioni e si parte da qui.

Le spiagge della Calcidica

Un viaggio nella Calcidica, suggestiva penisola greca

Le spiagge della Calcidica hanno una sabbia bianca, con acque dai riflessi verde-turchesi, in punti panoramici splendidi. Per nuotare, prendere il sole, esplorare i fondali, questa parte della Calcidica è l’ideale. 300 km di costa, punteggiata di oltre 100 spiagge sabbiose, calette, piccole isole. Ed in più, quest’anno la Grecia è al terzo posto nella classifica mondiale delle Bandiere blu (www.blueflag.global) , con 430 bandiere, 52 delle quali nella regione della Calcidica.

Meritano una gita Ammouliani, l’unica isola egea macedone abitata, che rapisce con le sue deliziose baie e spiaggette. E la rocciosa Faka, perfetta per immersioni e snorkeling.

Per chi ama la buona tavola ed in particolare il pesce, questo è un angolo di paradiso. Ammouliani si pregia di avere la più ampia flotta di pescherecci della Macedonia. E gli abitanti considerano fresco solo il pesce di giornata!

La cucina nella Calcidica

In questa zona della Grecia le specialità sono le mydhia, le cozze allevate in vivai galleggianti, in acque pure e trasparenti. I mitili sono di qualità alta, proprio per le caratteristiche del’acqua del Golfo di Strimonikos, pure e poco salina.

Da non perdere la Festa dei molluschi che si terrà il 6 Luglio ad Olympiada. A Nea Roda il 25 luglio protagoniste saranno le sardine. L’8 Agosto Stratoni farà da palcoscenico alla Festa del pesce.

Con cosa si inizia quando ci si siede a tavola?

Immancabili i mezedes, stuzzichini a base di verdure, pesce, accompagnati da salsine allo yogurt, tra cui lo tzatziki, con aglio e cetriolo. Ed oltre ai classici come mousakàa, con melanzane a strati e tiropita, torta di formaggio, in Calcidica sono da provare vari piatti della Regione.

Le prelibatezze del posto sono tante. Amate il miele? Nell’area di Olympiada, Arnea, Straroni se ne producono diverse qualità, dai diversi aromi, tra cui il pino ed il castagno, derivanti dalle piante che crescono sui monti della zona.



Booking.com

Rossana Nardacci

Laurea Magistrale in Informazione, Editoria e Giornalismo presso L’Università Roma Tre. Mi occupo principalmente di Content Marketing e Social Media Marketing per aziende e liberi professionisti, redigo testi Seo Oriented e curo le strategie per blog aziendali.

Latest posts by Rossana Nardacci (see all)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.