Sexting, scambio di messaggi hot ed immagini provocanti sui Social Media

Noi tutti dovremmo imparare a non inviare messaggi dai contenuti espliciti sul web. Il rischio è di essere "sniffati" da hacker e malintenzionati che potrebbero complicarci l'esistenza...

Che ruolo svolgono i Social Network nel fenomeno del “sexting”?

Che ruolo svolgono i Social Network?

Social Network, Internet e gli smartphone sono parte integrante ormai della nostra vita. Soprattutto di quella dei giovani. I Social svolgono un ruolo fondamentale nello sviluppo della loro identità, dei loro legami di amicizia, di amore e della loro sessualità.

Ultimamente si sente spesso parlare di un fenomeno che si sta diffondendo molto: il sexting. Ma di cosa si tratta?

Il termine sexting deriva dall’unione di due parole inglesi: “sex” ( sesso) e “texting” (pubblicare testo).

Il termine sexting deriva dall’unione di due parole inglesi: “sex” ( sesso) e “texting” (pubblicare testo). Si tratta di un fenomeno relativamente recente tra i giovani che consiste nell ’invio, nella ricezione e nella condivisione di testi, video o foto sessualmente esplicite inerenti appunto la loro sessualità.

Il sexting include anche l’invio di messaggi erotici o pornografici. I contenuti sono trasmessi ad una singola persona o ad un gruppo attraverso reti sociali o servizi di messaggeria quali FacebookWhatsapp o Snapchat.

Foto e video spesso vengono realizzati con gli smartphone attraverso i quali vengono anche diffuse nelle chat dei Social Network. Anche se inviate ad una stretta cerchia di utenti, possono diffondersi in modo incontrollabile creando seri problemi sia personali che legali alla persona ritratta.

L’invio di foto che ritraggono minorenni in pose sessualmente esplicita configura il reato di distribuzione di materiale pedopornografico.

Purtroppo le foto inviate possono diventare molto pericoloso soprattutto in caso di separazione. Per vendetta, ad esempio, può essere diffusa tramite Internet o smartphone ad un vasto pubblico.

Quali sono gli aspetti fondamentali del sexting?

  • Fiducia: spesso i giovani inviano le proprie foto o video nudi o sessualmente espliciti poichè si fidano della persona a cui stanno inviando quel materiale. Non considerano il fatto che quello stesso materiale, in caso in cui il rapporto si deteriorasse o interrompesse, potrebbe essere diffuso per vendetta.
  • Persistenza del fenomeno: il materiale pubblicato su Internet può restare online anche per molto tempo. I giovani purtroppo non sono consapevoli dei rischi che corrono e soprattutto che una foto o un video diffusi in rete potrebbero non essere mai eliminati.
  • Non consapevolezza: i giovani spesso non sono consapevoli che quel materiale che stanno scambiando è materiale pedopornografico.
  • Pervasività: gli smartphone permettono di condividere le foto o i video con molte persone contemporaneamente attraverso invii multipli, diffusione social e condivisione online. Per questo motivo, basta un attimo affinchè il materiale possa diffondersi in modo incontrollabile.

Sexting: perché i giovani sono attratti da questo fenomeno e contribuiscono alla sua diffusione?

Quali sono gli aspetti fondamentali del sexting?

Ai giovani fa sempre più piacere inviare foto e video che ritraggono sé stessi o persone che conoscono. Ma anche e soprattutto ricevere questo tipo di materiale. Essi sono scarsamente consapevoli delle possibilità di perdere il controllo della foto o del video che inviano. Questo atteggiamento porta loro a sottovalutare i rischi che corrono.

Non pensano minimamente che si tratti di scambiare materiale pedopornografico. Soprattutto che questo possa finire in “mani sbagliate” ed essere diffuso contro la propria volontà.

Secondo statistiche recenti, il materiale viene inviato per “gioco” , per cercare la loro attenzione, ad amici (40% dei casi), a fidanzati ( 30%), a conoscenti (10%) e ad estranei (25%).

Attraverso il sexting, i giovani trovano un modo efficace per esprimere se stessi ed attirare su di sé l’attenzione che desiderano. Non considerando i possibili rischi a cui vanno incontro, tra cui la sextortion, una forma di estorsione legata al sexting. Un adulto può procurasi sui Social foto e video di giovani ragazze. Può minacciarle di rendere pubblico questo materiale. In questo modo può procurarsi altre immagini, estorcere denaro o costringere la vittima ad incontrarlo.

Proteggi la tua identità virtuale!

Vuoi ricevere consigli utili riguardanti una buona Social Education? Iscriviti alla nostra newsletter

Rossana Nardacci

Laurea Magistrale in Informazione, Editoria e Giornalismo presso L’Università Roma Tre. Mi occupo principalmente di Content Marketing e Social Media Marketing per aziende e liberi professionisti, redigo testi Seo Oriented e curo le strategie per blog aziendali.

Latest posts by Rossana Nardacci (see all)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.