Viaggio tra i tesori dei Colli Euganei vicino Padova

Un territorio suggestivo, ricco di monasteri e ville, in cui regalarsi una parentesi di piacere, all’ insegna di natura, arte e tipicità.

Il sole che svettano in un vasto mare privo di onde. E’ questa la suggestiva immagine offerta dallo sky line naturale dei Colli Euganei.

I Colli Euganei, un gruppo di rilievi di origine vulcanica

I Colli Euganei in un armonioso alternarsi di forme a cono (dette lozzo) e cime tondeggianti (chiamate cinto), animano un territorio unico nel suo genere.

Situato a pochi km da Padova, il Parco Regionale dei Colli Euganei (www.parcocollieuganei.com) comprende 15 comuni, tra cui le località termali di Abano e di Montegrotto. Punto di partenza ideale per andare alla scoperta della zona.

Uno scrigno prezioso che racchiude tanti tesori, opera dell’uomo e della natura, a cominciare dal ricchissimo patrimonio di ville, borghi, monasteri e castelli. Per continuare con itinerari enogastronomici alla scoperta di specialità doc, dop e docg di prodotti e piatti tipici. Come il brodo di Giuggiole di Arquà Petrarca, i bigoi, un particolare tipo di pasta con oca o anatra, i risi e bisi, con i piselli dolci di Baone. (www.bisidibaone.it), il baccalà mantecato.

L’Autunno e la Primavera sono i periodi migliori per una visita, quando la natura gioca con la sua straordinaria tavolozza di colori. Ma anche l’estate e l’inverno riservano piacevoli sorprese.

E se tra Marzo e Maggio ad incantare sono le fioriture e le erbe spontanee, a Settembre ed Ottobre ad affascinare sono i verdi, i rossi, i gialli e le mille sfumature dell’autunno.

Abbazie, antiche dimore e giardini

Abbazia di Praglia

Partendo da Abano Terme o da Montegrotto, la prima meta del nostro viaggio alla scoperta dei Colli Euganei non può essere che l’antica Abbazia di Praglia, nel territorio di Teolo, ai piedi del Monte Lonzina. Questo monastero benedettino, costruito tra l’XI ed il XII secolo ed ancora oggi in funzione. Merita di essere visitato sia per il valore artistico ed architettonico sia per il senso della spiritualità che lo permea. Suggestivi il refettorio ed il chiostro pensile, in cui si trova una dedica allo scrittore Antonio Fogazzaro. Egli proprio a Praglia ambientò parte del suo romanzo “Piccolo mondo moderno”. I monaci dell’abbazia, fedeli al motto Ora et labora, sono specializzati nel restauro dei libri antichi, nella preparazione di creme e cosmetici naturali a base di erbe officinali, nella produzione di miele ed in quella di vino con vendita al dettaglio  nel negozio del monastero.

Presso l’abbazia vi è una foresteria in cui soggiornare all’insegna del raccoglimento e del silenzio. www.praglia.it

Lasciata Praglia potete proseguire per Luvigliano, alla volta della cinquecentesca Villa dei Vescovi. La più importante dimora prepalladiana del Rinascimento. Frequentata per secoli da artisti ed intellettuali è immersa in un paesaggio di grande bellezza. Esso si ritrova negli splendidi affreschi delle logge, opera del pittore fiammingo Lambert Sustris.

Un altro capolavoro da non perdere si trova a Valsanzibio. Si tratta di Villa Barbarigo e del suo monumentale giardino, la cui realizzazione fu affidata, nella seconda metà del 1600 a Luigi Bernini, architetto e fontaniere pontificio. Qui per volontà del cardinale Gregorio Barbarigo, il Bernini creò un simbolico percorso dal peccato alla cristiana redenzione. Un percorso in cui trovarono spazio anche un intricato labirinto, fontane e giochi d’acqua tanto suggestivi da essere poi d’ispirazione per i giardini della Reggia di Versailles.

Da borghi medievali ad imponenti castelli

Passeggiare tra le vie di Arquà Petrarca è un po’ come fare un tuffo in pieno Medioevo. Situata alle pendici del Monte Piccolo e del Monte Ventolone, Arquà Petrarca, bandiera arancione del Touring Club e tra i borghi più belli d’Italia ha due particolari punti d’interesse. La Chiesa di Santa Maria Assunta, sul cui sagrato si trova la tomba di Petrarca e la dimora del poeta “piccola, decorosa e nobile”.

Ma qui non mancano nemmeno eccellenze per il palato, come l’olio e le giuggiole, frutto tipico della zona. Ad esse, ad Ottobre, è dedicata una tradizionale festa durante la quale assaggiare il proverbiale brodo.

Ultima tappa del viaggio è il cinquecentesco Castello del Catajo, a Battaglia Terme. Principesca dimora di una famiglia di capitani di ventura. Il castello conta oltre 350 stanze, alcune delle quali affrescate da Giovan Battista Zelotti, allievo del Veronese.

Ma di particolare pregio sono anche l’immenso parco, le statue ed il Cortile dei giganti. Esso, durante le numerose feste organizzate dagli Obizzi, veniva utilizzato per rappresentazioni teatrali, tornei e naumachie.

www.castellodelcatajo.it

Sulle strade del gusto

L’Antica Trattoria Ballotta a Torreglia,

Per la loro origine vulcanica che ha reso la terra particolarmente fertile, i Colli Euganei hanno sviluppato nei secoli una forte tradizione contadina declinata in tante tipicità enogastronomiche da gustare nei molti ristoranti sul territorio. Come L’Antica Trattoria Ballotta a Torreglia, il più antico ristorante dei Colli Euganei (1605). Sede ufficiale della Confraternita della gallina padovana e della Confraternita del Baccalà alla Cappuccina. Inserita nelle principali guide del food (Locali storici d’Italia, Accademia della Cucina Italiana, Michelin, Espresso) www.ballotta.it

Ma i Colli Euganei sono anche e soprattutto famosi per il loro vino. Da gustare a tavola oppure recandosi direttamente dai produttori, seguendo l’itinerario proposto dalla Strada del Vino dei Colli Euganei (www.stradadelvinocollieuganei.it) che promuove corsi di degustazione.



Booking.com

Leggi gli altri articoli sulle località di viaggio

Rossana Nardacci

Laurea Magistrale in Informazione, Editoria e Giornalismo presso L’Università Roma Tre. Mi occupo principalmente di Content Marketing e Social Media Marketing per aziende e liberi professionisti, redigo testi Seo Oriented e curo le strategie per blog aziendali.

Latest posts by Rossana Nardacci (see all)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.