Le bugie sui vestiti scartati dai migranti dell’Aquarius

Stop Fake News Tutte le settimane “smonteremo” una fake news, una bufala, che circola su Internet o sulla carta stampata I vestiti dei migranti dell’Aquarius buttati per paura di epidemie. Fake news?   Qualche giorno fa una notizia proveniente dalla Spagna ha fatto il giro della Rete. L’articolo, corredato dalla foto di alcuni cassonetti dell’immondizia […]

Stop Fake News

Tutte le settimane “smonteremo” una fake news, una bufala, che circola su Internet o sulla carta stampata

I vestiti dei migranti dell’Aquarius buttati per paura di epidemie. Fake news?

 

Qualche giorno fa una notizia proveniente dalla Spagna ha fatto il giro della Rete.

L’articolo, corredato dalla foto di alcuni cassonetti dell’immondizia strabordanti di vestiti, sosteneva che quelli fossero gli indumenti che la Croce Rossa aveva fornito ai migranti appena sbarcati sulle coste spagnole dalla famosa nave Aquarius, i quali, dopo aver gettato i vestiti perché non di loro gradimento, erano poi stati visti ubriacarsi nei bar, pagando con banconote da cento euro.

La Croce Rossa spagnola e la Protezione Civile hanno subito diramato dei comunicati stampa per smentire la presunta notizia, spiegando che quelli nei cassonetti sono gli indumenti con cui i migranti sono sbarcati e che per loro l’iter prevede una visita medica e l’eliminazione immediata dei vestiti con cui hanno viaggiato per evitare possibili contaminazioni.

Quei vecchi vestiti sono rimasti nei cassonetti per circa un’ora in attesa di essere smaltiti.

I dubbi che restano sulla vicenda sono molti. Alcuni utenti  hanno fatto notare che se si tratta di vestiti potenzialmente pericolosi e che per questo motivo andrebbero distrutti e non buttati in normali cassonetti.

Nonostante la notizia sia stata smentita, le molte testate che avevano pubblicato la notizia non hanno rettificato.

Come già sappiamo, la situazione dell’accoglienza migranti è difficile di per sé e non ha certo bisogno di questa disinformazione, che spesso parte da profili social privati ma viene poi ripresa da alcuni giornali.

Rossana Nardacci

Laurea Magistrale in Informazione, Editoria e Giornalismo presso L’Università Roma Tre. Mi occupo principalmente di Content Marketing e Social Media Marketing per aziende e liberi professionisti, redigo testi Seo Oriented e curo le strategie per blog aziendali.

Ultimi articoli da Rossana Nardacci (vedi tutto)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *